Allevamento invernale dell’orata: nuove evidenze molecolari

19/12/2016

Nuove e dettagliate informazioni molecolari sulla complessa risposta biologica dell'orata di allevamento alle condizioni di stress invernale si sono rese disponibili grazie a uno studio nato dalla collaborazione tra l'industria mangimistica danese Aller Aqua e Porto Conte Ricerche.

L'abbassamento della temperatura dell'acqua durante la stagione invernale è un fattore critico nell'allevamento dell'orata (Sparus aurata L.). Nel periodo invernale, infatti, diversi disturbi metabolici e immunologici si traducono in performance di crescita ridotta e talvolta nella moria degli esemplari allevati, causando anche importanti perdite economiche agli allevatori. Recentemente, nuove e dettagliate informazioni molecolari sulla complessa risposta biologica dell'orata di allevamento alle condizioni di stress invernale si sono rese disponibili grazie a uno studio nato dalla collaborazione tra il mangimificio danese Aller Aqua e Porto Conte Ricerche. I risultati dell'indagine forniscono una visione innovativa delle alterazioni fisiologiche che interessano l'orata durante la stagione fredda.

Nello studio guidato dal Dott. Roberto Anedda a Porto Conte Ricerche, sono state simulate condizioni sperimentali tali da riprodurre l'andamento della temperatura dell'acqua durante un ciclo stagionale medio della zona climatica del Mediterraneo. Durante la prova è stato monitorato l'andamento della mortalità, dell'appetibilità, dei principali caratteri morfometrici e delle performance zootecniche. Inoltre, è stato effettuato uno screening delle variazioni dei livelli delle molecole di piccole dimensioni (metaboliti) e dei grassi a livello epatico e della parte edibile, utilizzando un approccio di tipo metabolomico.

In particolare, lo studio ha potuto evidenziare i meccanismi metabolici di adattamento dell'orata durante le fasi di diminuzione della temperatura (18°C-11°C), durante il periodo di mantenimento di una bassa temperatura (11°C) e nella fase di ripristino di condizioni climatiche ottimali (11°C-18°C). Lo studio mette in evidenza la sofferenza metabolica dell'organismo ad adattarsi al calo delle temperature esterne, sottolineando la difficoltà di compensare un disequilibrio energetico nella fase di calo della temperatura, che evolve in una disfunzione metabolica a livello epatico con conseguente accumulo di grasso e aumento delle dimensioni dell'organo e con l'alterazione del metabolismo dei lipidi. In seguito ad una prolungata permanenza a bassa temperatura, l'orata attiva una serie di meccanismi compensatori del derivante  stress ossidativo, attivando il metabolismo della metionina e delle basi puriniche a livello epatico e preservando le proteine presenti nella parte edibile dalla denaturazione. Vengono quindi progressivamente riattivati i processi di bioccumulo con il rinnalzamento della temperatura.

Questo studio  fornisce  utili elementi per lo sviluppo di  formulazioni idonee al mantenimento di performance di crescita ottimali  nell'orata durante tutto il periodo del ciclo produttivo, garantendo un apporto nutrizionale bilanciato e aumentando la resistenza di questa specie alle variazioni termiche stagionali.

Il manoscritto pubblicato dalla rivista scientifica Comparative Biochemistry and Physiology, Part A è liberamente scaricabile fino al 20 Gennaio 2017

R. Melis, R. Sanna, A. Braca, E. Bonaglini, R. Cappuccinelli, H. Slawski, T. Roggio, S. Uzzau and R. Anedda Molecular details on gilthead sea bream(Sparus aurata) sensitivity to low water temperatures from 1H NMR metabolomics Comparative Biochemistry and Physiology, Part A 204 (2017) 129–136

E' disponibile online un articolo divulgativo sullo studio e sulla problematica affrontata dai ricercatori di Porto Conte Ricerche in collaborazione con Aller Aqua.

Per ulteriori informazioni contattare il Dr Roberto Anedda, Laboratorio NMR e Imaging, Porto Conte Ricerche, Alghero (www.portocontericerche.it)
email : anedda@portocontericerche.it 
 

 

Leggi tutto
Leggi meno
-A A +A

S.P. 55 Porto Conte - Capo Caccia
km 8,400 Loc. Tramariglio
07041 Alghero (SS) Italia
​​Indirizzo postale: Porto Conte Ricerche S. r. l. - Casella Postale 84​ 07040 Santa Maria La Palma (SS) – Italia
Tel [+39] 079 998400 - Fax [+39] 079 998567
Email info@portocontericerche.it